L’opposto parmigiano, cresciuto nelle giovanili dell’Energy, rientra alla base dopo sei anni tra A2 e B, dove nell’ultima stagione è stato avversario dei ducali con la maglia di Viadana

La WiMORE Volley Parma comunica l’arrivo dell’opposto Matteo Beltrami, che nella passata stagione è stato avversario dei gialloblù in Serie B con la maglia di Viadana. Nato il 29 dicembre 1997 a Parma, Beltrami è cresciuto nel settore giovanile dell’Energy arrivando a esordire in C prima di trasferirsi nel 2016 al Club Italia in A2 e da lì vivere altre esperienze significative sempre nella stessa categoria tra Taviano e Piacenza, dove nel 2018-19 ottenne la promozione in SuperLega. Nell’estate di quell’anno il passaggio in B a Busseto sotto la guida di coach Codeluppi, che ora ritroverà a Parma, poi l’esaltante stagione di Garlasco culminata nel salto in A3 e, infine, l’ultima avventura a Viadana, impreziosita dall’accesso ai play-off anche a discapito della WiMORE contro cui, tra andata e ritorno, è riuscito a realizzare ben 49 punti (30 al PalaRaschi). Ora il ritorno a casa a distanza di sei anni che lo riempie di emozioni. “E’ un ritorno alle origini, torno dove tutto è iniziato. Mi ha fatto un effetto strano giocare lo scorso marzo al PalaRaschi e so che ritroverò un ambiente genuino che mi stimola molto”.

Quali saranno le maggiori insidie della Serie A3?

“Tutte le squadre in Serie A sono competitive e daranno il massimo, bisognerà essere bravi a rimanere sempre in partita con la testa e continuare a fare il proprio gioco”.

Come valuti le ultime due stagioni in Serie B?

“Quest’anno è andata bene e anche nelle due sfide con Parma credo di aver fatto una bella figura. Non so se si potesse fare di più ma l’obiettivo dei play-off è stato centrato anche se poi è mancata la ciliegina sulla torta. A Garlasco c’era un gruppo magico, avevamo l’ambizione di salire e, nonostante la situazione difficile legata al Covid, abbiamo creato una grandissima squadra che è fondamentale se si vuole puntare in alto”.

Cosa pensi di coach Codeluppi che ti allenò a Busseto?

“E’ una persona seria e preparata che ci mette il cuore e cura ogni minimo dettaglio in allenamento. Lavora tanto sulla tecnica, a me personalmente sarà molto d’aiuto e a Busseto mi ero trovato bene con lui”.

Cosa prometti a squadra e tifosi?

“Ci metterò impegno, voglia di fare, di migliorarmi e, soprattutto, di aiutare i miei compagni. Starà a noi coinvolgere i tifosi e farli divertire durante le partite, piano piano e settimana dopo settimana cercheremo di appassionarli sempre di più”.